4.76/5 (21)  vota


Carlo

4 Maggio

1857

Diritti protetti

Come tingere naturalmente i tessuti Creativa in cucina

Avete mai provato a tingere naturalmente i tessuti? Utilizzare i prodotti chimici potrebbe sembrare più semplice e veloce, ma non lo è assolutamente, perchè si possono acquistare svariati colori e in modalità a mano o in lavatrice, ma dobbiamo mettere in conto che ovviamente si tratta di sostanze chimiche, inquinanti e che spesso non ci fanno ottenere il risultato voluto a fronte di una spesa medio/alta.

Il procedimento “naturale” è meno costoso, va sempre di moda e la consapevolezza di aver rispettato l’ambiente e noi stessi, sarà motivo di vanto e orgoglio!

L’alternativa fortunatamente esiste e spesso l’abbiamo pronta in dispensa. Si tratta di tingere i vostri tessuti con prodotti naturali, gli ingredienti alimentari, quelli che utilizziamo in cucina, per intenderci, e possono diventare delle vere e proprie tinture naturali. Soluzioni che tra l’altro si utilizzano fin dai tempi antichi.

In questo articolo troverete anche la tabella per realizzare i vari colori, continua a leggere▼.

• Quello che dovete sapere, prima di conoscere la preparazione, è che oltre a tingere i classici tessuti o capi, potete tingere anche i centrini o gomitoli e matasse, l’importante è che i tessuti siano in cotonelino, setalana vergine.

Ricordate, le fibre sintetiche, tipo lycranylonrayondacron e miste non si prestano al procedimento di tintura descritto e in tal caso non otterrete dei buoni risultati.

Come tingere naturalmente i tessuti Creativa in cucina• Il tessuto catturerà il colore dell’ingrediente che avrete scelto, del 40 – 50% circa.

Ecco alcuni colori che potete realizzare. Scegliete un solo ingrediente e di conseguenza il colore preferito!

Ècru: the classico.

Beige: carciofo, the nero.

Giallo: verga d’oro, melograno, zafferano, bucce di cipolla, camomilla.

Giallo oro: curcuma.

Arancione: cipolla d’orata, bucce d’arancia, paprika, hennè.

Verde: spinaci, prezzemolo, foglie di eucalipto.

Rosso e rosa: frutti rossi, barbabietola rossa cotta, cavolo rosso, rooibos, karkadè, robbia.

Viola: sambuco, succo d’uva rossa, vino rosso.

Marrone: caffè, cacao, mallo di noce, castagno.

Blu: guado, mirtilli.

Per questi ingredienti, potete utilizzare le classiche bustine da infusi ma anche frutta fresca, bucce, bacche o fiori.

La mia preparazione l’ho effettuata su alcuni centrini, realizzati a chiacchierino, bianchi, conferendo un colore ècru.

Ingredienti:

• tessuto che volete tingere,

• bicarbonato di sodio*,

• acqua,

• aceto di vino bianco e l’ingrediente che avrete scelto per tingere il vostro tessuto.

* potete utilizzare anche il sale grosso oppure il cremor tartaro.

Preparazione:

• Pesate il vostro tessuto da dover tingere (i centrini vanno tinti contemporaneamente nello stesso contenitore. I gomitoli, invece, dovrete aprirli, quasi a srotolarli). Il peso dell’ingrediente scelto dovrà essere dello stesso peso del tessuto da tingere.

• Per prima cosa riempite una bacinella con circa 2 litri di acqua fredda, immergete il tessuto e aggiungete 2 cucchiai di bicarbonato (se il vostro tessuto è più grande, seguite sempre questa proporzione), mescolate e lasciate riposare tutta la notte.

In questo caso eliminerete l’eventuale sporco.

• Strizzate il tessuto e mettete da parte.

• Individuato l’ingrediente da utilizzare come tinta naturale, fatelo bollire in acqua, circa 2 litri con 1 tazza di aceto (servirà a fissare il colore), immergete il tessuto e lasciate bollire a fuoco basso, completamente immerso, girando di tanto in tanto, finchè diventi del colore desiderato o comunque per un massimo di 2 ore.

Se utilizzate le bustine da the o decotti, lasciate in infusione direttamente in acqua. Se utilizzate frutta fresca, bacche o fiori, potete procedere facendo bollire nell’acqua e filtrare il tutto; passaggio molto importante per evitare di ottenere una tintura a macchie, più scure.

• Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

• Rimuovete dall’acqua il tessuto ed immergetelo nella bacinella piena di acqua fredda e sciacquate, finchè il tessuto perda il colore in eccesso.

Come tingere naturalmente i tessuti Creativa in cucina

• Lavate col detersivo e acqua fredda (come solitamente si lavano i centrini), sciacquate in modo da eliminare il detersivo, fate asciugare!

Come tingere naturalmente i tessuti Creativa in cucina

Tingere i tessuti naturalmente è davvero molto semplice, ma sopratutto rispettando la natura è meglio. Mentre, l’uso di prodotti chimici è fonte di danni non solo alla pelle ma anche al nostro organismo.

Come tingere naturalmente i tessuti Creativa in cucina

condividi instagram pinterest commenta stampa



Ti è piaciuto: “Come tingere naturalmente i tessuti”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *


Ti suggeriamo:


Come utilizzare l’aceto: 11 utilizzi alternativi ed utili

Come utilizzare l’aceto: 11 utilizzi alternativi ed utili

Alluminio in cucina, come utilizzarlo senza pericoli

Alluminio in cucina, come utilizzarlo senza pericoli

Insalata di polpo

Insalata di polpo

Mozzarella in carrozza con würstel

Mozzarella in carrozza con würstel

Cipolle porraie o sponsali

Cipolle porraie o sponsali

Pesto di pomodori secchi

Pesto di pomodori secchi

15 cibi naturali brucia grassi per dimagrire e restare in forma

15 cibi naturali brucia grassi per dimagrire e restare in forma

Sandwich ricetta semplice

Sandwich ricetta semplice

Funghi pioppini sott’olio

Funghi pioppini sott’olio

Rustica di patate

Rustica di patate


Gli ultimi articoli:


Risotto filante di melanzane

Risotto filante di melanzane

Reginette fatte in casa

Reginette fatte in casa

Macchina per la pasta, tutti i consigli e le curiosità

Macchina per la pasta, tutti i consigli e le curiosità

Salmone marinato in forno

Salmone marinato in forno

Come pulire le macchie dal divano in tessuto non sfoderabile

Come pulire le macchie dal divano in tessuto non sfoderabile

Arrosto di cosce di pollo a fette

Arrosto di cosce di pollo a fette