4.37/5 (19)  vota


Carlo

10 Maggio

1918

Diritti protetti

Dieta con pochi carboidrati, le conseguenze e tutti i consigli

Cosa succede al nostro corpo quando si smette di mangiare pane, pasta e alimenti simili? Ovvero, si evitano i carboidrati in quantità eccessive? Diminuire drasticamente i carboidrati dalla nostra dieta, fa bene o no alla nostra salute?

I carboidrati sono la prima fonte di energia che utilizza il corpo e comprendono sia gli zuccheri semplici che i carboidrati complessi. I carboidrati semplici sono costituiti da una o due unità di zuccheri. Molto comune è il glucosio, lattosio e saccarosio. I carboidrati complessi sono lunghe catene di carboidrati semplici. Amido (patate, pasta, mais), oppure ad esempio Glicogeno, presente nei muscoli e nel fegato degli animali.

Diverse diete puntano su una marcata riduzione dei carboidrati, ed è quindi importante capire quale sia l’impatto di questi regimi sulla salute e sul nostro benessere a medio e lungo periodo e quindi i pro e i contro di queste azioni.

Molto importante è capire anche come vengono sostituiti i carboidrati nella nostra dieta. Solitamente i carboidrati sono sostituiti da un aumento di proteine e grassi, ma è consigliabile un aumento di apporto di origine vegetale e non animale. E’ un argomento vastissimo che richiederebbe molti approfondimenti caso per caso. Ma in generale, se eliminassimo i carboidrati dalla nostra dieta, quali sarebbero le conseguenze al nostro corpo secondo recenti studi, ricerche ed approfondimenti?

Se i carboidrati assunti ogni giorno sono pochi (meno del 40%) o troppi (più del 70%) aumenta il rischio di mortalità (dovuto alla maggior probabilità di soffrire di malattie metaboliche e cardiovascolari).

Mangiare pasta a cena migliora il riposo notturno e non fa ingrassare (come molti invece credono), favorisce il rilassamento muscolare e combatte lo stress grazie alla presenza del Triptofano e Vitamine del gruppo B. L’importante è fermarsi agli 80 grammi a testa, cotta al dente e con pochi condimenti.

Quando si riduce drasticamente l’apporto di carboidrati, la prima cosa che si nota è la rapidità di perdita di peso. Ma escluderli totalmente non dà grossi vantaggi a medio e lungo termine nel dimagrimento perchè si riduce la capacità del corpo di sfruttare i glucidi per dimagrire sempre di più, quindi non stiamo perdendo grasso, ma stiamo perdendo acqua, perchè i carboidrati sono immagazzinati nel corpo sotto forma di glicogeno.
La perdita di peso corporeo è simile a una dieta ipocalorica standard e i liquidi persi iniziali vengono recuperati successivamente.

I carboidrati sono la fonte di energia principale per il nostro cervello. Quest’ultimo ne risente la mancanza e gli effetti sono la perdita di concentrazione, stanchezza e facile irritabilità.

Una dieta a lungo termine priva di carboidrati, causa alito cattivo, stanchezza, debolezza, vertigini, insonnia e nausea.

I carboidrati raffinati fanno salire i livelli di zucchero nel sangue, aumentano il rischio di malattie cardiache e diabete di tipo 2, mentre il consumo di cibi integrali evita i picchi nei livelli di zucchero nel sangue, riduce l’assorbimento di sostanze cancerogene, grassi e colesterolo e aumenta l’apporto di fibra. Quindi, anziché rinunciare a tutti i carboidrati, basterebbe optare, invece, per quelli integrali.

Dieta con pochi carboidrati, le conseguenze e tutti i consigli

Secondo diversi studi e direttive, i carboidrati dovrebbero costituire tra il 45 e il 60% delle calorie totali della giornata. I carboidrati sono la fonte di energia primaria del corpo e quindi riducendo drasticamente il loro consumo, l’energia diminuirà.

I carboidrati inducono la sintesi della serotonina, il neurotrasmettitore della serenità e della tranquillità, che aumenta anche il senso di sazietà.

La pasta (come il pane) però da sola non basta per essere considerata un piatto bilanciato, perchè bisogna prevedere l’abbinamento a un volume circa equivalente di legumi o pesce e a uno doppio di verdure.

Una dieta low carb (compresa la chetogenica) diminuisce anche l’apporto di acido folico al nostro corpo, fondamentale per il sistema nervoso e quello riproduttivo.

Una dieta povera di carboidrati aumenta il rischio di frequenti mal di testa.

Attuando una dieta povera o addirittura priva di carboidrati si perdono velocemente i chili di troppo ma con altrettanta facilità e velocità si possono riprendere, ovvero il classico effetto yo-yo.

In conclusione, molti fattori sono importanti e da prendere in considerazione quando si segue un determinato regime alimentare, per cui è sempre bene rivolgersi a specialisti o al proprio medico di fiducia.

condividi instagram pinterest commenta stampa



Ti è piaciuto: “Dieta con pochi carboidrati, le conseguenze e tutti i consigli”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *


Ti suggeriamo:


Pepite di pollo fatte in casa

Pepite di pollo fatte in casa

Pesto di pistacchio

Pesto di pistacchio

Mele cotogne al forno

Mele cotogne al forno

Sughetto di pomodori pelati

Sughetto di pomodori pelati

Le pentole migliori per cucinare

Le pentole migliori per cucinare

Petto di pollo aromatizzato, con battuto

Petto di pollo aromatizzato, con battuto

Pennette al forno con funghi champignon

Pennette al forno con funghi champignon

Crostata di ricotta

Crostata di ricotta

Tortini di verdure e mascarpone

Tortini di verdure e mascarpone

Come poter mangiare il pesce crudo senza dubbi

Come poter mangiare il pesce crudo senza dubbi


Gli ultimi articoli:


Risotto filante di melanzane

Risotto filante di melanzane

Reginette fatte in casa

Reginette fatte in casa

Macchina per la pasta, tutti i consigli e le curiosità

Macchina per la pasta, tutti i consigli e le curiosità

Salmone marinato in forno

Salmone marinato in forno

Come pulire le macchie dal divano in tessuto non sfoderabile

Come pulire le macchie dal divano in tessuto non sfoderabile

Arrosto di cosce di pollo a fette

Arrosto di cosce di pollo a fette