5/5 (29)

facebook instagram pinterest commenta stampa

25 Ottobre
2 commenti
1771

Come poter mangiare il pesce crudo senza dubbi ricetta di Creativaincucina

Personalmente a me piace mangiare poco pesce crudo, ma se devo mangiarlo voglio essere sicura di ciò che mangio. Sushi, pesce crudo, carpaccio, tartare, molluschi: sulle nostre tavole il pesce crudo non manca quasi mai ed è sempre più apprezzato anche nei ristoranti.

• Mangiare pesce crudo: quali sono i rischi?

Consumando pesce crudo si aumenta la possibilità di contrarre alcune malattie come parassitosi, intossicazioni, tossinfezioni, epatite virali, salmonella e colera. Il pescato (dal pesce ai mitili), può essere contaminato da diversi microrganismi che provocano infezioni o tossinfezioni. L’attenzione all’igiene dei prodotti del mare si è soprattutto focalizzata sui mitili, come cozze e vongole a causa dei molti casi di epatite A ed alcuni di colera. La parassitosi acuta può insorgere già dopo poche ore dall’ingestione di pesce crudo e si manifesta con intenso dolore addominale, nausea e vomito.

• Come consumare il pesce crudo in tutta sicurezza?

Non pensate (ancora qualcuno lo pensa) che basta semplicemente il succo di limone per disinfettare i molluschi crudi. Innanzitutto è bene sapere che la marinatura non uccide i parassiti, andrebbe fatta una cottura ad almeno 60°C per 10 minuti, oppure il pesce va abbattuto. Queste procedure sono efficaci per distruggere ogni presenza di parassiti, in particolare di Anisakis simplex (estremamente diffuso), i parassiti che sono normalmente presenti in numerose specie marine e che possono essere pericolosi per l’uomo se vengono ingeriti sottoforma di larve. Le larve del parassita muoiono se sottoposte a 60 gradi di temperatura, oppure dopo 96 ore a -18°C, 60 ore a -20° C, 12 ore a –30° C, 9 ore a -40° C. Dunque per continuare a mangiare del pesce crudo in tutta tranquillità basta assicurarsi sempre che questo venga preventivamente sottoposto a trattamento termico adeguato. Quindi in caso di consumo crudo, marinato e non completamente cotto il prodotto deve essere preventivamente congelato per almeno 96 ore a -18° C in congelatore domestico contrassegnato con tre o più stelle. Secondo la legge è una procedura sufficientemente sicura per permettere il consumo umano di questi prodotti. Purtroppo, però, congelandolo con un tradizionale freezer se ne compromette la struttura, il gusto e l’apporto vitaminico. La soluzione ideale è l’uso di un abbattitore rapido di temperatura che surgela velocemente, così come richiesto dalla normativa, ma non “danneggia” la qualità del pesce. L’abbattitore riduce la temperatura di un alimento fino a venti volte più velocemente rispetto a un tradizionale freezer.

Successivamente consiglio di marinare il pesce mezz’ora prima di servirlo (ovviamente dipende da quanto prodotto volete marinare).
Spinate il pesce, togliendo la spina centrale (se sono frutti di mare invece sgusciateli e eliminate solo un lato del guscio).
Sciacquate in acqua di mare, oppure preparatela voi semplicemente con acqua e sale (33 grammi di sale per ogni litro d’acqua).

• Precauzioni generali:

La stagionalità dei pesci è un fatto che il consumatore spesso ignora, ma che invece dovrebbe essere tenuto in grande considerazione. Per esempio l’acciuga e, in generale, il pesce azzurro, si pesca tutto l’anno, ma la sua stagione è l’estate. L’inverno invece è la stagione del pesce spada e delle capesante. Acquistare pesce fresco con queste caratteristiche: occhio convesso e vivido, branchie con sangue rosso vivo, colore brillante metallico, corpo rigido, odore di mare. Il pesce deve essere consumato entro poche ore o conservato in modo corretto, ad esempio a basse temperature (abbattitore o freezer). Il pesce fresco dura in frigorifero un paio di giorni dall’acquisto. Va pulito ma non lavato. Il pesce si lava solo prima di andare in cottura con acqua.

Ti è piaciuto questo articolo?

facebook instagram pinterest commenta stampa


Ti suggeriamo:


Risotto alla milanese

Risotto alla milanese

Salmone con verdure al cartoccio

Salmone con verdure al cartoccio

Crostini con pesto di pomodori secchi

Crostini con pesto di pomodori secchi

Detox: le bevande che fanno star bene

Detox: le bevande che fanno star bene

Farfalle con pesto di zucchine e mandorle

Farfalle con pesto di zucchine e mandorle

Farfalle con pesto di pomodori secchi

Farfalle con pesto di pomodori secchi

Girelle di pasta frolla al cioccolato

Girelle di pasta frolla al cioccolato

Risotto con cubetti di zucca

Risotto con cubetti di zucca

Mela cotogna: proprietà e benefici del frutto dimenticato

Mela cotogna: proprietà e benefici del frutto dimenticato

Cavolfiore, benefici, proprietà e valori nutrizionali

Cavolfiore, benefici, proprietà e valori nutrizionali


Gli ultimi articoli:


Insalata di riso venere con tonno

Insalata di riso venere con tonno

Come preparare il risotto perfetto

Come preparare il risotto perfetto

Tiramisù in bicchiere o barattolo

Tiramisù in bicchiere o barattolo

Cheesecake al forno, ricetta facile

Cheesecake al forno, ricetta facile

Insalata di pasta alla mediterranea

Insalata di pasta alla mediterranea

Pomodori ripieni di tonno

Pomodori ripieni di tonno


2 commenti a “Come poter mangiare il pesce crudo senza dubbi”

  1. Wow davvero molto utile, non lo conoscevo!! Be i marinai li conoscono tutti i trucchetti per mangiare pesce buono. Grazie mille.

    1. Ciao Wanda, infatti proprio per questo ho condiviso con voi questo trucchetto, in modo da poter essere utile a chi non sa. Grazie a te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *