4.96/5 (68) vota


Creativa in cucina

22 Marzo

2435

Diritti protetti

Cavolfiore: valori nutrizionali, benefici e proprietà Creativaincucina

Spesso non sappiamo che il cavolfiore è una varietà di Brassica oleracea, caratterizzato da una folta infiorescenza, costituita da numerosi e piccolissimi fiori costipati, chiamata testa oppure palla. L’infiorescenza del cavolfiore può assumere varie colorazioni ( bianca, paglierina, verde, violetta ) e costituisce la parte commestibile dell’ortaggio come anche le lunghe foglie verde scuro, inoltre ha numerose varietà, che si distinguono in base alla maturazione, varietà precocissime (raccolte ad ottobre), precoci (raccolte a novembre – dicembre), invernali (raccolte a gennaio – febbraio) e tardive (raccolte da marzo a maggio); insomma il cavolfiore fa parte di quelli ortaggi che si trovano facilmente e tutto l’anno, al mercato.

In cucina il cavolfiore può essere preparato in vari modi, ad esempio come contorno, quindi bollito o cotto al vapore, ma può essere anche fritto o arrostito, preparato come primo piatto, può essere aggiunto anche alla preparazione di zuppe di verdura e può essere anche mangiato crudo, misto alle insalate ( cicorie, lattughe, indivie, spinaci, cavolo cappuccio o verza, anche questi tagliati sottili, cetriolo, pomodoro, rucola, erba cipollina e infine la cipolla, tagliata sottile e da aggiungere alla fine ) condite con un pizzico di sale, qualche goccia di limone e olio d’oliva; contrariamente a ciò che si pensa, in questo caso si utilizza solo la parte superiore del “fiore”, le cosiddette testine tagliate a fettine molto sottili. Sarà sempre una prelibatezza.

Il cavolfiore è un ortaggio versatile, buono, economico e ricco di vitamine.

Per le mie ricette riguardanti il cavolfiore:

Per una quantità di 100 grammi:

Calorie 25 g, Grassi 0,3 g, Acidi grassi saturi 0,1 g, Acidi grassi polinsaturi 0 g, Acidi grassi monoinsaturi 0 g, Acidi grassi trans 0 g, Colesterolo 0 mg, Sodio 30 mg, Potassio 299 mg, Carboidrati 5 g, Fibra alimentare 2 g, Zucchero 1,9 g, Proteine 1,9 g, Vitamina A 0 IU, Vitamina C 48,2 mg, Calcio 22 mg, Ferro 0,4 mg, Vitamina D 0 IU, Vitamina B6 0,2 mg, Vitamina B12 0 µg e Magnesio 15 mg.

Il cavolfiore è un antiossidante e antinfiammatorio ed è indicato in caso di diabete in quanto contribuisce al controllo della glicemia. Alcuni recenti studi scientifici attribuiscono al cavolfiore anche una proprietà anticancro.

Il centrifugato di cavolfiore è un ottimo rimedio naturale contro il raffreddore, regolano il battito cardiaco perchè tengono sotto controllo la pressione arteriosa, stimolano il funzionamento della tiroide ed è utile nell’alimentazione di chi soffre di colite ulcerosa. Insomma un ortaggio che è davvero un ottimo toccasana!

È utile approfittare delle sue caratteristiche nutritive e consumarlo anche un paio di volte la settimana, per tutto l’inverno e grazie al limitato contenuto calorico e all’elevato potere saziante, il cavolfiore è perfetto per chi segue una dieta dimagrante e per chi vuole mangiare sano.

• Il cavolfiore durante la cottura emana un odore non particolarmente gradevole, per cui ecco un semplice e naturale consiglio della nonna per neutralizzare l’odore: basta poggiare sul coperchio della pentola un pezzo di pane raffermo impregnato nell’aceto.

• Il cavolfiore crudo e non lavato si può conservare in frigorifero per almeno 10 giorni, invece cotto si può conservare a temperatura ambiente o in frigorifero per massimo 2 giorni, altrimenti il suo sapore cambierà notevolmente. Ricordate però che più tempo lo conservate e più si propagherà il suo caratteristico odore.

• Essendo un ortaggio delicato, e quindi facilmente deperibile, si consiglia di consumarlo freschissimo, in questo modo potrete beneficiare pienamente delle sue proprietà.

Cavolfiore: valori nutrizionali, benefici e proprietà Creativaincucina

condividi instagram pinterest commenta stampa



Ti è piaciuto: “Cavolfiore, benefici, proprietà e valori nutrizionali”?

4 commenti a “Cavolfiore, benefici, proprietà e valori nutrizionali”

  1. Wooow ci sono cose del cavolfiore che proprio non sapevo, grazie per l’informazione e buono a sapersi!

    1. Caio Vanna, si infatti, ho pensato di aggiungere questa rubrica perchè è ottimo sapere e conoscere cosa stiamo mangiando e tutte le sue caratteristiche. A presto e un abbraccio!

  2. E’ bene sapere, in cucina, cosa si prepara, si mangia e tutti i benefici, effettivamente neppure io conoscevo tutti i benefici e grazie al tuo sito, che parla di cucina a 360°, ora nella categoria degli ingredienti posso conoscere tutto sugli ingredienti che utilizzo nelle mie ricette. Grazie mille e continua così!

    1. Brava Alda, infatti nella nuovissima categoria ” ingredienti dalla A alla Z ” troverai tanti ingredienti, che sto aggiungendo pian piano, in modo da far conoscere a tutti i loro benefici! A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *


SUGGERITE PER TE


Linguine ai frutti di mare

Linguine ai frutti di mare

Crostata di ricotta

Crostata di ricotta

Frittatine di cime di rapa

Frittatine di cime di rapa

Arancini di riso ai gamberi, ricetta della nonna

Arancini di riso ai gamberi, ricetta della nonna

Impasto base per pizze, focacce, panzerotti e molto altro

Impasto base per pizze, focacce, panzerotti e molto altro

Polpette deliziose di patate e tonno

Polpette deliziose di patate e tonno

Il pranzo migliore quando si è in spiaggia sotto l’ombrellone

Il pranzo migliore quando si è in spiaggia sotto l’ombrellone

Cotoletta alla milanese con funghi cardoncelli

Cotoletta alla milanese con funghi cardoncelli

Pepite di pollo fatte in casa

Pepite di pollo fatte in casa

Come poter mangiare il pesce crudo senza dubbi

Come poter mangiare il pesce crudo senza dubbi


ULTIMI ARTICOLI