4.5/5 (24) vota


Creativa in cucina

18 Febbraio

1843

Diritti protetti

Come pulire e conservare i limoni di mare Creativa in cucina

I limoni di mare vivono sui fondali sabbiosi o rocciosi, spesso fissati alle pietre, in colonie talora molto numerose. In genere vengono mangiati crudi o con una spruzzata di limone.

I limoni di mare sono una specie di tartufo dal corpo a forma di pietra, ma in realtà è morbido. In mare sono come una spugna e crescono solitamente tra i detriti. É il frutto di mare dal sapore più intenso che conosca, con un gusto forte tipo l’acido fenico e dai colori che vanno dal giallo e rosso al violaceo. Se per l’apertura la cozza è lo stadio base, il limone di mare è qualcosa per chi ha la laurea in frutti di mare.

Si trovano dappertutto e sono chiamati con vari nomi. In Italia generalmente li chiamano limoni di mare uova di mare, ma nei dialetti di alcuni paesi vengono chiamati anche: nel napoletano”carnummole“, nel barese”taratuffo“, nel tarantino”spuenzi“, nel ligure”strunsi di mare“.

Ma anche nel resto del mondo si trovano spesso sulle tavole e vengono chiamati:

• in Olanda “viola-zakpijp” o “begroeide zakpijp“,

• in Franciafigue de mer“, a Marsigliapatate de mer” o “vioulé“,

• in Germaniaseefeige” o “seeheide eßbare“,

• in GreciaΦούσκα“,

• in Spagnaprovecho” o “buñuelo de mar” oppure “patatas de mar“.

La pesca, la commercializzazione e la somministrazione dei limoni di mare è vietata in alcune regioni italiane, in base a specifiche ordinanze regionali. I provvedimenti regionali o delle amministrazioni locali sono in continua evoluzione, quindi consiglio di consultare i regolamenti della propria regione o provincia di appartenenza.

• Pulirli è semplicissimo, serve innanzitutto tenerli in ammollo in acqua salata di mare pulita, per circa un ora e sciacquarli ben bene in modo da eliminare gran parte della sabbia.

• Con un coltello a lama seghettata, divideteli a metà dal lato lungo. Recuperate delicatamente il frutto.

• Se non disponete di vasche depuratrici per frutti di mare, il metodo per conservarli in casa, in modo che durino più a lungo possibile è dare loro la giusta umidità.

Come pulire e conservare i limoni di mare Creativa in cucina

• Poneteli in una ciotola, bagnate e strizzate tra le mani un tovagliolo pulito, con acqua dolce o salata e coprite i limoni di mare. Conservateli in frigo, per massimo 2 – 3 giorni. È un ingrediente fondamentale per il famoso piatto francese Bouillabaisse, alla quale conferisce un delicato sapore e un profumo unico. In inglese è conosciuto come sea fig (fico di mare) o sea squirt (schizzo di mare). Spesso sono anche serviti crudi, conditi solo con limone, da gustare come antipasto.

Si tratta di un prodotto ipocalorico ad alto valore biologico e una preziosa fonte di antiossidanti, di proteine, iodio e di vitamine, sopratutto la C. Contengono inoltre un basso contenuto di lipidigrassi e calorie.

100 gr di limoni di mare contengono 86 kcal, 11,9 g di proteine e 2,24 g di grassi. É importante ricordare, però, che la cottura deve essere molto delicata e rapida, in modo da non rovinare consistenza e sapore. Infine, il costo varia in base al periodo in cui vengono pescati.

condividi instagram pinterest commenta stampa



Ti è piaciuto: “Limoni di mare, proprietà, come pulirli e conservarli”?

Ti suggeriamo:


Filetti di pesce serra al forno

Filetti di pesce serra al forno

Rösti di patate e pancetta

Rösti di patate e pancetta

Le 10 cose che puoi fare col miele

Le 10 cose che puoi fare col miele

Vellutata di piselli con uovo

Vellutata di piselli con uovo

Come dissalare il baccalà

Come dissalare il baccalà

Mozzarella in carrozza con würstel

Mozzarella in carrozza con würstel

Insalata di riso

Insalata di riso

Baccalà in umido

Baccalà in umido

Pasta al forno classica

Pasta al forno classica

Salmone in umido

Salmone in umido


Gli ultimi articoli:


Mini pasqualine

Mini pasqualine

I semi in cucina, proprietà, benefici e ricette

I semi in cucina, proprietà, benefici e ricette

Come cucinare il filetto di manzo, i vari tempi di cottura

Come cucinare il filetto di manzo, i vari tempi di cottura

Come apparecchiare la tavola: le regole del galateo

Come apparecchiare la tavola: le regole del galateo

Come conservare le uova

Come conservare le uova

Pettole

Pettole


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *