4.33/5 (15) vota


Creativa in cucina

9 Aprile

4394

Diritti protetti

Come si riconosce una buona pizza ricetta di Creativa in cucina

La pizza è la regina dei piatti tipici italiani, il simbolo del Bel Paese in tutto il mondo, ma quando possiamo dire che la pizza che stiamo mangiando è davvero una buona pizza? Ingredienti, cottura, impasto e tanti altri fattori contribuiscono alla realizzazione di una buona pizza e riconoscerla è fondamentale per molti. Vediamo alcuni degli elementi caratteristici di una buona pizza.

• Partiamo dall’impasto, perche se non digerite bene la pizza, allora spesso l’impasto era poco lievitato. Un buon impasto cotto non deve essere gommoso, deve risultare leggero e la masticazione deve essere facile. Un impasto non maturo è pesante da subito e spesso non permette di terminare il consumo della pizza in tavola.

• Una buona pizza deve avere la massa interna ben cotta, con bolle tonde e senza formare le cosiddette “gallerie” perchè in quest’ultimo caso c’è stato una cedimento dell’impasto e quindi la lievitazione non è stata perfetta.

• Moltissime bolle sulla superfice esterna della pizza cotta indicano qualche problema di lievitazione.

• Anche la forma della pizza è importante segno di qualità, perchè forme allungate o troppo irregolari sono il risultato di una cattiva stesura e scarsa manualità. Inoltre il perimetro della pizza, detto anche cornicione, deve essere di forma regolare, con un diametro piuttosto lineare.

• Generalmente una buona pizza deve avere un diametro non superiore ai 35 cm (i panetti devono avere un peso compreso tra i 200 ed i 280 g, per ottenere una pizza di diametro tra 25-35 cm), la parte centrale spessa massimo 4 mm e il bordo di 1-2 cm, gonfio e di colore dorato. L’impasto finale deve avere un buon profumo simile al pane fresco. Quando gustiamo la pizza deve essere morbida all’interno e fragrante fuori.

• La parte inferiore della pizza cotta deve avere un bel colore giallo paglierino (priva di evidenti bruciature), non deve essere bianca e umidiccia, risultato di cotture frettolose e a temperatura del forno troppo bassa. Naturalmente il fondo della pizza non deve essere neppure carbonizzato o con zone della pizza che mostrano tracce di farina dello spolvero non cotta.

• Le materie prime devono essere di qualità. Ingredienti vecchi o conservati per molto tempo, ad esempio, in frigorifero sono facilmente riconoscibili. Se una pizza ha ingredienti vecchi o addirittura scaduti si sentono subito al primo morso, sopratutto se abbiamo ordinato una pizza ai salumi, formaggi o verdure.

• Gli ingredienti sulla pizza devono essere ben distribuiti e non disposti a caso, con zone meno farcite e altre troppo.

• La cottura ideale deve avvenire all’interno di un forno a legna che deve aver raggiunto la temperatura di circa 430-480° C tra platea e volta. Pizze cotte nei forni elettrici sono altrettanto buone se ben preparate, ma la vera pizza italiana e sopratutto napoletana va cotta nel forno a legna per ottenere il tipico sapore.

condividi instagram pinterest commenta stampa



Ti è piaciuto: “Come si riconosce una buona pizza”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *


Ti suggeriamo:


Pasticciotto leccese, ricetta originale

Pasticciotto leccese, ricetta originale

Penne con crema di zucchine e formaggio

Penne con crema di zucchine e formaggio

Crostini con pesto di mandorle e zucchine

Crostini con pesto di mandorle e zucchine

Bilancia da cucina elettronica o meccanica? Tutti i consigli

Bilancia da cucina elettronica o meccanica? Tutti i consigli

Risotto con cubetti di zucca

Risotto con cubetti di zucca

I semi in cucina, proprietà, benefici e ricette

I semi in cucina, proprietà, benefici e ricette

Besciamella fatta in casa

Besciamella fatta in casa

Filetto brasato al limone

Filetto brasato al limone

Pasta filante con gamberetti

Pasta filante con gamberetti

Risotto ai funghi cardoncelli

Risotto ai funghi cardoncelli


Gli ultimi articoli: