4.94/5 (51) vota


Creativa in cucina

3 Giugno

3604

Diritti protetti

Fungo cardoncello valori nutrizionali Creativaincucina

Il fungo Cardoncello è tipico del sud Italia e può essere chiamato con nomi diversi: Cardoncello, Cardarello, Ferlengo, fungo di Ferula. Cresce spontaneo in alcune regioni italiane come la Puglia, la Basilicata, Calabria, Sardegna, alcune province del Lazio e della Sicilia. Ma la madre terra di questo fungo è l’altopiano delle Murge appulo-lucane dove si concentra la maggior parte della produzione spontanea e coltivata, questi terreni sono poveri e con poco prato, e quindi proprio così il fungo trova il suo habitat ideale, crescendo generalmente alla base del Eryngium campestre e maritimum.

Il periodo migliore per consumarli freschi è in autunno/inverno (infatti durante questo periodo sono organizzate anche tantissime sagre di paese dedicate a questo fungo) anche per la maggiore disponibilità di funghi che crescono spontaneamente. Durante tutto il resto dell’anno è più facile trovarli surgelati o secchi.

Il fungo cardoncello è uno dei funghi più buoni e prelibati ed è molto apprezzato fin dai tempi antichi, quando è entrato a far parte di molte ricette tradizionali, rivisitate e nuove. Il suo irresistibile sapore ha catturato anche i palati sopraffini.

Il Cardoncello è un fungo di colore scuro, carnoso, sodo e cresce a ceppi, tutti straordinari che lo contraddistinguono ancor di più per la loro bellezza.

La storia narra che nel Medioevo in alcune taverne era oggetto di canti e fu considerato prelibato e afrodisiaco a tal punto da essere inserito nell’indice dal Santo Uffizio, pare che distoglieva i Cristiani dall’idea di penitenza.

I funghi cardoncelli, sono considerati un toccasana per il sistema immunitario e vengono spesso consigliati nell’alimentazione durante il cambio di stagione tra estate e autunno, per aiutare l’organismo a difendersi meglio. Inoltre sono nostri alleati non solo per le ossa ma anche per il sistema cardiovascolare e sistema immunitario.

I funghi non contengono grassi e sono poco calorici, quindi ottimi per chi vuole dimagrire e anche per chi deve seguire una dieta povera di grassi. Sono un’ottima fonte di minerali, in particolare fosforo, potassio, selenio e magnesio, inoltre contengono, lisina e triptofano, vitamine B e alcune sostanze antiossidanti  che aiutano il sistema cardiovascolare a mantenersi in forma.

Inoltre contengono acqua, pochissimi carboidratiproteine, pochissimi grassi (su 100g ci sono solo 0,70g) e fibre.

Per le mie ricette riguardanti i funghi cardoncelli:

Il fungo cardoncello è un fungo dal sapore molto versatile e facile da abbinare ad un’antipasto, primo o secondo, infatti esistono tantissime buone ricette, anche tradizionali, per utilizzare questi funghi nel miglior modo.

Le ricette più comuni sono:

i funghi cardoncelli sott’olio, gratinati, ma anche per risotti, con la pasta e tanto altro.

condividi instagram pinterest commenta stampa



Ti è piaciuto: “Fungo cardoncello, proprietà e valori nutrizionali”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *


SUGGERITE PER TE


Vongole, proprietà e benefici

Vongole, proprietà e benefici

Tiramisù in bicchiere o barattolo

Tiramisù in bicchiere o barattolo

Spaghetti con tonno e olive

Spaghetti con tonno e olive

Muffin alla boscaiola

Muffin alla boscaiola

Patate al forno

Patate al forno

Tartufini al tiramisù

Tartufini al tiramisù

Come conservare il prezzemolo per tutto l’anno

Come conservare il prezzemolo per tutto l’anno

Polpette di pane pugliesi

Polpette di pane pugliesi

Baccalà in umido

Baccalà in umido

Filetto brasato al limone

Filetto brasato al limone


ULTIMI ARTICOLI