4.5/5 (12)

facebook instagram pinterest commenta stampa

19 Ottobre
4 commenti
3240

Sughetto di pomodori pelati ricetta di Creativaincucina

Il sugo fresco di pomodori pelati è ottimo per chi adora i pomodori ma nella pietanza non gradisce la pelle del pomodoro. Questa è una ricetta base per poi poter utilizzare per tante pietanze, ovviamente dove è richiesto il pomodoro, tipo a dadolata.
Genuino e semplicissimo da preparare, lo noterete dai pochi passaggi!

A casa non tutti adorano la pelle del pomodoro, sopratutto i bambini, quindi questa mia ricetta è davvero perfetta. Inoltre i pomodori sono benefici per il nostro cuore, contengono molta vitamina C, hanno comprovate proprietà preventive nei confronti del cancro, prevengono l’osteoporosi, aiutano l’organismo a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue, possono prevenire la formazione di smagliature nella pelle ed infine sono benefici per gli occhi e per il buon funzionamento dell’intestino per via del loro contenuto di fibre vegetali. Quando acquistate i pomodori al mercato, scegliete quelli dalla consistenza soda e senza ammaccature, inoltre a meno che non sia della varietà Camone o Cuore di Bue, il pomodoro non deve essere troppo verde altrimenti non è giunto a giusta maturazione. Ottimo per questa ricetta è il pomodoro della varietà San Marzano, sul Sarno. Ora vediamo come si prepara un buon sugo fresco di pomodori pelati.

Leggi anche: Besciamella

 Difficoltà: basso        Cottura: 5 minuti

 Preparazione: 5 minuti circa       Costo piatto: basso

500 g di pomodori pelati,

olio d’oliva q.b.,

sale qb.

• Private della pelle ogni pomodoro crudo e tagliatelo a dadini grossolani. Oppure utilizzare i pomodori pelati già confezionati.

• In un pentolino versate 4 – 5 cucchiai di olio d’oliva, i pomodori pelati e aggiustate di sale.

• Cuocete a fuoco moderato per 5 – 10 minuti o finchè si consumi l’acqua che sprigionano i pomodori.

• Se avete preparato, questo sughetto, più della quantità necessaria, tranquille, mettete in una ciotola di plastica o vetro e mettete in frigo dopo averlo fatto raffreddare, ovviamente. Deve essere consumato entro i 3 / 4 giorni, massimo.

Facile, sano e buono ed in questo modo tutti potranno gustarlo tranquillamente.

Ti è piaciuto questo articolo?

facebook instagram pinterest commenta stampa


Ti suggeriamo:


Pesto zucchine e mandorle

Pesto zucchine e mandorle

Ali di pollo impanate, con croccante panatura

Ali di pollo impanate, con croccante panatura

Mille infranti (ù tridd)

Mille infranti (ù tridd)

Trancio di salmone al cartoccio

Trancio di salmone al cartoccio

Nutellini

Nutellini

Lievito madre

Lievito madre

Farfalle con pesto di zucchine e mandorle

Farfalle con pesto di zucchine e mandorle

Danesi alla crema e albicocche

Danesi alla crema e albicocche

Ravioli fatti in casa, ricotta e spinaci

Ravioli fatti in casa, ricotta e spinaci

Cruffin realizzati con pasta di Croissant

Cruffin realizzati con pasta di Croissant


Gli ultimi articoli:


Salmone in umido

Salmone in umido

Pepe nero… non solo a tavola

Pepe nero… non solo a tavola

Le 10 cose che puoi fare col miele

Le 10 cose che puoi fare col miele

Spesa sostenibile, 15 consigli utili

Spesa sostenibile, 15 consigli utili

Nuvolette di zucchine

Nuvolette di zucchine

Castagne, proprietà e valori nutrizionali

Castagne, proprietà e valori nutrizionali


4 commenti a “Sughetto di pomodori pelati”

  1. Utile e buono per me che son tra quelli che mon sopporta la pelle del pomodo. Brava, ti seguo nella tua newsletter. Ciao.

    1. Grazie Bartolo per seguirmi, si in effetti è una soluzione semplice e utile per tutti, sopratutto per chi non sopporta nella pietanza, trovare la pelle del pomodoro.

  2. Io penso che anche a chi è indifferente trovare la pelle del pomodoro nel piatto, se legge questa ricetta la prepara senza pelle. Quindi cara questa è una ricetta davvero molto utile e buona, grazie cara!

    1. Ciao Katia, si si in effetti la pelle c’è a chi piace e a chi no, ma se c’è una ricetta che la elimina buon per tutti.. Grazie a te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *