4.83/5 (80)

condividi instagram pinterest commenta stampa

25 Ottobre
0 commenti
14665

Orata bollita ricetta di Creativaincucina

L’orata bollita è una ricetta semplicissima da preparare e che io personalmente adoro, perchè elimina, durante la bollitura, buona parte del grasso del pesce, rendendolo molto buono ma sopratutto leggero, per chi ad esempio è a dieta.
È fonte di proteine di alto valore biologico, vale a dire con un alto contenuto di aminoacidi essenziali, oltre a grassi per lo più polinsaturi e monoinsaturi.

L’apporto di colesterolo è molto ridotto, appena 65 mg ogni 100 g, difatti è un alimento consigliato sia nelle diete ipocaloriche, sia per chi soffre di diabete ed obesità. L’orata pescata e di allevamento è un pesce magro, una porzione da 100 g apporta in media 135 kcal. E’ fonte anche di sali minerali, soprattutto calcio, fosforo e di vitamina B. E’ importante saper riconoscere un’orata fresca quando la acquistiamo in pescheria. Prima di tutto l’occhio dell’orata deve essere brillante e convesso, le branchie di colore rosso vivo, squame aderenti alla pelle, carne soda e compatta e un buon odore di mare. L’orata pescata in mare è sicuramente, a livello nutrizionale, più pregiata di quella cresciuta in cattività, perché il pesce che vive in mare aperto sviluppa una muscolatura più potente rispetto a quello allevato, ed inoltre la sua carne risulta essere più proteica e ricca di omega 3 rispetto a quella del pesce cresciuto in cattività. L’alimentazione del pesce che vive in mare è sicuramente più varia e nutriente rispetto a quello allevato. Buona anche la presenza di sali minerali tra cui fosforo, iodio e ferro, quindi direi una ricetta davvero semplice e perfetta.

Leggi anche: Salmone affumicato marinato

 Difficoltà: media       Cottura: 5 minuti circa       Preparazione: 5 minuti

 Costo piatto: medio       Dosi: 2 persone

 Orata fresca,

sale grosso q.b.,

sale fino q.b.,

olio d’oliva q.b.

acqua.

**opzionale: 1 limone **

Orata bollita ricetta di Creativaincucina

• In una pentola capiente portate ad ebollizione l’acqua con una manciata di sale grosso, a fuoco moderato.

• Nel frattempo pulite, lavate e desquamate l’orata fresca, privandola della testa (operazione che potete far eseguire tranquillamente dal vostro pescivendolo di fiducia).

• Quando l’acqua inizierà a bollire, immergete l’orata e fatela cuocere per 5 minuti circa.

Orata bollita ricetta di Creativaincucina

• Appena sarà cotta, rimuovetela dalla pentola e pulitela, privandola di tutte le lische, e ponete il pesce spezzettato grossolanamente in un piatto pulito.

• Quando avrete finito di pulire l’orata, conditela con un filo d’olio d’oliva e sale fino a vostro piacimento, amalgamate il tutto, facendo attenzione a non frammentarla troppo.

• La cottura varia in base alla grandezza dell’orata, quindi appena la vedrete morbida, toglietela dall’acqua bollente.

• Se preferite potrete insaporire maggiormente con qualche goccia di limone. L’orata avrà un ottimo sapore.

Ti è piaciuto questo articolo?

condividi instagram pinterest commenta stampa


Ti suggeriamo:


Pizza di patate

Pizza di patate

Polpettone di melanzane e zucchine

Polpettone di melanzane e zucchine

Crostatine di mela, ricetta facile

Crostatine di mela, ricetta facile

Crampi muscolari, cause e tutti i rimedi

Crampi muscolari, cause e tutti i rimedi

Tiramisù in bicchiere o barattolo

Tiramisù in bicchiere o barattolo

Spaghetti con limoni di mare

Spaghetti con limoni di mare

Mele cotogne al forno

Mele cotogne al forno

Tortino gustoso di cavolfiore

Tortino gustoso di cavolfiore

Tiramisù, ricetta facile

Tiramisù, ricetta facile

Linguine gustose ai cardoncelli

Linguine gustose ai cardoncelli


Gli ultimi articoli:


Zuppa di fagioli borlotti

Zuppa di fagioli borlotti

Baccalà in umido

Baccalà in umido

Ciambellone di spinaci

Ciambellone di spinaci

Tortelli di Carnevale

Tortelli di Carnevale

Come lavare i vetri in modo veloce e senza lasciare aloni

Come lavare i vetri in modo veloce e senza lasciare aloni

3 metodi per congelare in modo corretto la cheesecake

3 metodi per congelare in modo corretto la cheesecake


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *