4.64/5 (11) Creativa in cucina   2 commenti a “Pandoro fatto in casa” 
Stampa o invia la ricetta

Pandoro fatto in casa ricetta di Creativaincucina

ll pandoro e il panettone sono dolci tradizionali natalizi d’Italia e non possono assolutamente mancare sulla tavola durante le feste, per brindare e festeggiare. La ricetta più antica del pandoro appartiene all’antica Roma dove un cuoco di nome ” Vergilius Stephanus Senex ” che preparò un ” panis ” realizzato con farina, burro e olio, ma intorno al XIII secolo si trovava anche sulle tavole dei nobili veneziani chiamato ” pane de oro “. Successivamente sono state apportate delle modifiche fino ai giorni nostri, per renderlo più buono e sempre diverso, in modo da accontentare anche i palati più esigenti.

In questa ricetta vi spiego la preparazione con due tipi diversi di lievito, scegliete quello che più vi piace!

Leggi anche : Panettone classico fatto in casa

Pandoro fatto in casa ricetta di Creativaincucina

 Difficoltà: alta       Cottura: 50 minuti       Preparazione: 40 minuti

 Costo piatto: basso       Dosi: 1 kg

Prima tranche

200 g di farina manitoba,

 30 g di burro a temperatura ambiente,

 1 uovo,

 25 g di zucchero,

 18 g di lievito madre oppure 3 g di lievito di birra fresco **,

 2 cucchiai di acqua tiepida q.b.

** Se utilizzate il lievito di birra dovete preparare per prima cosa il lievitino. Altrimenti, se ne avete, utilizzate il lievito madre e saltate il passaggio del lievitino.

Seconda tranche

 200 g di farina manitoba,

 140 g di burro a temperatura ambiente,

 2 uova,

 100 g di zucchero,

 1 bacca di vaniglia o essenza,

 un pizzico di sale.

** Lievitino

 50 g di farina manitoba,

 60 g di acqua tiepida,

 1 tuorlo,

 1 cucchiaio di zucchero,

 15 g di lievito di birra fresco.

Per guarnire: zucchero a velo.

Utensili utilizzati: stampo da 1 kg per pandoro, matterello, pellicola per alimenti, un pezzo di carta di alluminio.

Preparazione per il lievitino ( se avete il lievito madre, saltate questo passaggio! )

• Sciogliete in una ciotolina il lievito in acqua tiepida e appena sarà completamente sciolto aggiungete la farina, fate incorporare mescolando con un cucchiaio e aggiungete lo zucchero e infine il tuorlo.

• Coprite bene con pellicola trasparente la ciotolina e lasciate lievitare per circa 1 ora a temperatura ambiente. Appena sarà raddoppiato sarà pronto per essere utilizzato.

Prima tranche

• Sciogliete il restante lievito di birra nell’acqua tiepida e aggiungete al lievitino.

Se volete utilizzare il lievito madre saltate il passaggio sopra.

• In una ciotola impastate la farina col lievito madre e aggiungete l’acqua tiepida ( se avete preparato il lievitino aggiungetelo alla farina, ma non aggiungete l’acqua perchè l’avete già fatto al passaggio precedente ), l’uovo e mescolate. Trasferite il tutto su di una spianatoia e aggiungete il burro a tocchetti e lavorate a mano l’impasto finchè diventi un panetto liscio ed omogeneo.

• Trasferite il panetto nuovamente in una ciotola e coprite il tutto con della pellicola trasparente. Fate lievitare per un’ora in forno spento con luce accesa a temperatura costante finchè il suo volume sarà raddoppiato.

Seconda tranche

• Trascorso il tempo di lievitazione riprendete il panetto, dilatatelo un po con le mani e aggiungete le uova, lo zucchero, la farina, i semini di vaniglia oppure l’essenza e un pizzico di sale.

♦ A questo punto potete decidere se lavorare l’impasto nella planetaria oppure a mano.

  1. Se lavorate nella planetaria, impastate per 10 minuti col gancio a foglia, velocità media.
  2. Se lavorate a mano, impastate su di una spianatoia leggermente infarinata finchè il panetto risulti compatto ed elastico.

• Sistemate nuovamente l’impasto nella ciotola precedentemente unta di burro e coprite con della pellicola trasparente, fate lievitare per due ore in forno spento con luce accesa.

• Riprendete il panetto e con l’aiuto del matterello, stendetelo su di una spianatoia e formate un rettangolo dove al centro aggiungerete i tocchetti di burro morbido.

• A questo punto portate i lembi del rettangolo verso il centro, prima i laterali e poi quelli dall’alto e dal basso verso il centro. Si formerà tipo una busta. A questo punto col mattarello spianate delicatamente e formate nuovamente un rettangolo. Avvolgete a forma di rotolo e coprite con della pellicola trasparente, fate riposare in frigo per 20 minuti.

• Riprendete il panetto dal frigo, col mattarello picchiettate delicatamente e spianate nuovamente, formando un rettangolo, arrotolate l’impasto e avvolgetelo con la pellicola, rimettete in frigo e fate riposare per altri 20 minuti.

• Ripetete per la 3° e ultima volta il passaggio precedente.

• Spianate il panetto su di una spianatoia e formate un rettangolo. Ungetevi le mani di burro e tirate i lembi verso il centro in modo da formare una palla.

• Imburrate lo stampo per pandoro e sistemate il panetto all’interno con la parte liscia alla base dello stampo e la chiusura del panetto verso l’alto. Coprite con la pellicola trasparente e fate lievitare per 9 / 11 ore finchè raggiungerà il bordo dello stampo.

• Appena sarà trascorso il tempo di lievitazione, togliete la pellicola e infornate il pandoro in forno statico a 170° per 10 minuti, proseguite per altri 25 / 30 minuti a 160°. A fine cottura fate la prova con uno stecchino, lungo e verificate la cottura, se sarà umido proseguite la cottura per qualche minuto, controllate spesso.

• Fate raffreddare completamente nello stampo e sfornate. Spolverate il pandoro con lo zucchero a velo.

Pandoro fatto in casa ricetta di Creativaincucina

BUONE FESTE E BUON APPETITO!

• L’ultima lievitazione, prima di infornare, va fatta a temperatura ambiente ed il tempo di lievitazione dipenderà molto dalla temperatura in casa.

• A metà cottura poggiate un foglio di carta di alluminio sulla superficie perché tende a colorirsi e in questo modo eviterete che si bruci.

• Potete conservare per un paio di giorni il pandoro fatto in casa in luogo fresco e asciutto, chiudendolo in un sacchetto di plastica.

Ti è piaciuta questa ricetta?

2 commenti a “Pandoro fatto in casa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *

Facebook
YouTube
Instagram
E-mail