4.35/5 (54)

condividi instagram pinterest commenta stampa

20 Ottobre
4 commenti
5028

Quando per strada si sente il profumo di caldarroste vuol dire che si avvicina l’autunno e l’inverno, ed è bello passeggiare tra le strade della mia città ed incontrare all’angolo un venditore di caldarroste che come ogni anno crea una magia unica. Quel profumo piacevole che invade le strade e che richiama l’attenzione dei passanti. Castagne o marroni possiamo in fondo definirle varietà cugine, la prima è il frutto della pianta selvatica che durante gli anni ha subito un vero e proprio restyling, tra potature e innesti, da cui sono nate cultivar di ottima qualità e da queste i marroni.

Seguite i miei consigli e vedrete come preparare, a casa vostra, delle buonissime caldarroste e la stessa atmosfera che i venditori ambulanti regalano per le vie della città! Le castagne sono sazianti, ricche in fibre e minerali, utili in caso di anemia, stanchezza psicofisica, ed in gravidanza in virtù del loro apporto di acido folico che previene malformazioni fetali. Apportano circa 287 calorie ogni 100 grammi.

Leggi anche: Crostata di ricotta

 Difficoltà: bassa       Cottura: 15 minuti circa      

 Preparazione: 5 minuti circa       Costo piatto: basso / medio

Castagne o Marroni*

* Le quantità le scegliete voi in base a quante ne volete preparare.

Utensili utilizzati: coltello a lama liscia, padella a fori, spargifiamma.

• Prendete le castagne e incidete, con l’aiuto di un coltello appuntito, una linea lunga più o meno due centimetri sul lato largo e piatto di ognuna ( fate attenzione a non tagliarvi ).Caldarroste ricetta di Creativaincucina

• Mettetele tutte nella padella a fori, adatta per preparare le caldarroste, mettete sotto la padella lo spargi fiamma e cuocetele a fiamma moderata, rigirandole spesso, per 15 minuti circa o finchè la buccia risulterà bruciacchiata, le incisioni saranno aperte e la castagna dorata.

Caldarroste ricetta di Creativaincucina

• Appena saranno cotte, toglietele dal fuoco e ancora calde mettetele in un sacchetto di carta, ricopritele avvolgendo il sacchetto con le castagne in una copertina, così da renderle più tenere e calde poco prima di mangiarle.

BUON APPETITO!

• Le caldarroste vanno consumate calde, ma se volete mangiarle fredde, il rimedio è: sbucciatele quando sono ancora calde così potrete conservarle più a lungo ( massimo un paio di giorni ) e mangiarle fredde ma con tutto il sapore travolgente delle caldarroste!!

• Lo spargifiamma serve a non far annerire le castagne nella cottura.

Ti è piaciuto questo articolo?

condividi instagram pinterest commenta stampa


Ti suggeriamo:


Rotolo di salmone e robiola

Rotolo di salmone e robiola

Quiche ricotta e funghi

Quiche ricotta e funghi

Salmone in umido

Salmone in umido

Cipolle porraie o sponsali

Cipolle porraie o sponsali

Penne zucchine e gamberetti con panna

Penne zucchine e gamberetti con panna

Rotolo gustoso alle zucchine

Rotolo gustoso alle zucchine

Latte condensato fatto in casa

Latte condensato fatto in casa

Frutta disidratata

Frutta disidratata

Polpettone di melanzane e zucchine

Polpettone di melanzane e zucchine

Puccia salentina

Puccia salentina


Gli ultimi articoli:


I fiori commestibili più utilizzati in cucina e come mangiarli

I fiori commestibili più utilizzati in cucina e come mangiarli

Cavolfiore e baccalà

Cavolfiore e baccalà

Come conservare in casa le patate per diversi mesi

Come conservare in casa le patate per diversi mesi

Come cuocere la pasta, dieci consigli per un risultato perfetto

Come cuocere la pasta, dieci consigli per un risultato perfetto

Perle di riso venere con crema allo zafferano

Perle di riso venere con crema allo zafferano

Abbuffate natalizie, tutti i consigli per smaltire i chili di troppo

Abbuffate natalizie, tutti i consigli per smaltire i chili di troppo


4 commenti a “Caldarroste”

  1. Ciao conosco già questa ricetta, anch’io le preparo allo stesso tuo modo e in effetti son davvero molto buone.

  2. Adoro anch’io il profumo tra i vicoli di Roma delle Caldarroste, si sente, non so perché, l’aria del Natale. Comunque complimenti bel sito e ti seguo sulla tua newsletter. Buona giornata!

    1. Grazie mille Enrico, si in effetti quando senti per strada il profumo delle caldarroste, sembra anche a me che sta arrivando il Natale. Buona giornata anche a te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *