4.95/5 (111)

facebook instagram pinterest commenta stampa

3163   9 Ottobre   Creativa in Cucina   0 commenti a: “Pasticciotto leccese, ricetta originale

Pasticciotto leccese ricetta originale ricetta di Creativaincucina

Il pasticciotto leccese è un dolce tradizionale simbolo del Salento, tanto semplice quanto squisito e chiunque lo mangia per la prima volta ne rimane conquistato.

Il pasticciotto leccese è un cofanetto di frolla, pieno di tanta e golosa crema pasticcera! Realizzarlo è molto semplice e servono pochi ingredienti di ottima qualità, ma è fondamentale seguire tutte le fasi di questa ricetta in modo che venga bene e abbia alla fine la classica consistenza della frolla che lo contraddistingue.

Se volete, a casa vostra, un assaggio del Salento, vi invito a preparare questa ricetta, che, grazie ai miei consigli, non richiede molto tempo.

Leggi anche: Pasticciotto leccese crema e amarena

 Difficoltà: media       Cottura: 10 minuti       Preparazione: 1 ora e 30 minuti

 Costo piatto: basso       Dosi: 15 pasticciotti

Per la frolla

500 g di farina 00,

250 g di strutto oppure burro*,

250 g di zucchero,

4 tuorli d’uova,

mezzo cucchiaio di ammoniaca per dolci,

scorza grattugiata di mezzo limone,

un pizzico di sale.

* La ricetta tradizionale prevede che nella frolla ci sia lo strutto.

Per la crema pasticcera

1 l di latte,

6 tuorli d’uova,

180 g di farina 00,

320 g di zucchero,

buccia di limone intera.

Utensili utilizzati: frusta da cucina, stampini ovali per pasticciotti.

• In un contenitore mescolate lo zucchero con lo strutto e amalgamate il tutto.

• Aggiungete le uova e fatele incorporare; successivamente la farina, l’ammoniaca e la scorza grattugiata di limone. Passate il tutto su una spianatoia ed impastate con le mani fino ad ottenere un composto liscio.

• Quando la frolla sarà pronta, passate il panetto nel contenitore, coprite con della pellicola e lasciate riposare per almeno un’ora in frigo.

Nel frattempo preparate la crema pasticcera:

• In un pentolino mescolate i tuorli con lo zucchero, farina setacciata e un pò di latte. Quando il tutto sarà ben amalgamato aggiungete il restante latte e la buccia intera del limone, mettete sul fuoco, scaldate a fiamma bassa fino a portare ad ebollizione mescolando continuamente con l’aiuto di una frusta da cucina. Eliminate la buccia del limone.

• Togliete dal fuoco la crema pasticcera e trasferitela in un contenitore di vetro, fatela raffreddare, coprite con una pellicola a contatto e mettete il contenitore in frigo.

Trascorsa l’ora per la frolla uscitela dal frigo.

• Cospargete su di una spianatoia la farina, adagiateci il panetto di frolla e con le mani create un salsicciotto. Tagliatelo a pezzi di circa 5-6 cm e col palmo della mano schiacciateli dando un’altezza di circa ½ cm. Uscite la crema pasticcera dal frigo.

• Coprite gli stampini con la frolla e lasciate che fuoriesca dai bordi la pasta, riempite il pasticciotto con la crema pasticcera e stendete uno strato di confettura di amarene. Posate sopra uno strato di frolla più sottile e chiudete il dolce premendo sui bordi in modo da ottenere la classica forma bombata del pasticciotto e adagiateci al centro mezza amarena sciroppata.

• Lasciate riposare in frigo per un’ora, spennellate la parte superiore con un uovo sbattuto e successivamente infornateli a forno preriscaldato. Cuoceteli per circa 10 minuti a 220°, forno statico.

• Appena saranno dorati, usciteli dal forno e lasciateli intiepidire per qualche minuto, in questo modo sarà più facile estrarli dagli stampi.

• Servite tiepido per gustare al massimo questa fantastica esplosione di gusto!

Pasticciotto leccese ricetta originale ricetta di Creativaincucina

BUON APPETITO!

• Potete spolverizzare con lo zucchero a velo prima di servire!

• Potete preparare sia la frolla che la crema la sera prima e lasciarle riposare in frigo.

• Il pasticciotto va gustato tiepido ed è ottimo a colazione, a merenda ma è straordinario anche dopo pranzo o cena!

• Una volta pronti, potete conservarli anche in frigorifero per alcuni giorni e riscaldarli prima di consumarli.

Una ricetta tradizionale facile e gustosa.

Ti è piaciuto questo articolo?

facebook instagram pinterest commenta stampa



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi il risultato *